L’incantevole scenario della Riserva naturale di Monte Mario

La riserva naturale di Monte Mario è uno dei parchi più spettacolari nella zona di Roma con i suoi 238 ettari di estensione e un'altitudine di 139 metri. Situata sul rinomato Monte Mario, questa riserva naturale presenta un'incantevole cornice di verde fatta di storia e cultura radicata da secoli e secoli, infatti già per gli antichi romani costituiva un luogo favorevole per scrutare il mare e dal XV secolo ospita l'Osservatorio Astronomico.

È il rilievo di maggiore imponenza dei Colli della Farnesina e costituisce un vero mosaico geologico per caratteristiche del territorio e per la sua particolare flora e fauna. Infatti tutta la zona è caratterizzata dalla presenza di vegetazione mediterranea tipica delle zone più vicine al livello del mare come alberi di leccio, sughera e cisto, ma non solo. A questo tipo di flora si contrappone anche una vegetazione che appartiene alle zone submontane di media altezza con alberi di carpino, acero, tiglio, orniello, ligustro, nocciolo e corniolo. L’insieme dei processi di antropizzazione dell’area da parte dell'uomo ha fortemente diminuito la presenza della fauna originaria che rendeva meno godibile la riserva. Per quanto riguarda la fauna odierna, oggi sono presenti roditori come il topolino delle case, il topo selvatico, il moscardino, ma anche varie specie di uccelli molto caratteristici come il verdone, il pettirosso, il cardellino, il merlo, il codibugnolo, la taccola e lo storno.

Sin dall'epoca romana, il colle ospitava numerose ville residenziali appartenenti a poeti, nobili e ricchi proprietari terrieri. Monte Mario era spesso attraversato dagli eserciti nella marcia di ritorno dalle guerre. Il luogo dove avvenivano di solito le marce era lungo la via Trionfale, che veniva anche percorsa dai fedeli e dai pellegrini che si recavano a Roma per visitare San Pietro. Della splendida area della riserva naturale di Monte Mario fanno parte ancora oggi ville storiche come Villa Mazzanti e Villa Mellini, che è diventata all'inizio del XX secolo la sede del celebre Osservatorio Astronomico. Sono anche presenti delle chiese appartenenti al luogo da secoli come la chiesa di San Lazzaro dei Lebbrosi e la chiesa di Santa Maria del Rosario. Inoltre è possibile percorrere vari sentieri che rendono la Riserva Naturale di Monte Mario un luogo unico di una bellezza incantevole, sempre più popolato dai cittadini e dai turisti.

Il Sentiero Natura: la collina dell'osservatorio
Questo percorso è lungo circa 1 chilometro e dura 40 minuti. È possibile entrare da Viale del Parco Mellini o da pz.le Maresciallo Giardino. Il sentiero è percorribile tutto l'anno, ma presenta molti dislivelli e con la pioggia diventa un po' scivoloso, quindi è sempre bene prestare attenzione. A parte ciò questo sentiero è uno dei più belli e interessanti della Riserva di Monte Mario, è caratterizzato da molte rocce la cui presenza permette di studiare l'origine geologica del luogo. Sul percorso ci sono numerose panche dove sedersi per rifocillarsi, arrivati in cima si potranno ammirare i più stupefacenti panorami della città.

Il Sentiero Natura: la collina della Farnesina
Questo sentiero è costituito da un percorso ad anello dove è presente anche la pista ciclabile. Gli ingressi sono situati in via dei Casali di Santo Spirito e in via dei Colli della Farnesina, il percorso dura circa 1 ora ed è lungo un km per quanto riguarda l'anello e 2 km totali se si percorre anche la discesa. Il tempo di percorrenza complessivo è di circa 1 ora e 30 minuti. Il dislivello è di 30 m per il percorso ad anello e 70m per la discesa che conduce in via dei Colli della Farnesina. Questo sentiero è percorribile tutto l'anno ed è abbastanza ombroso. Offre uno splendido panorama sia sulla collina di Monte Mario che in direzione dello Stadio Olimpico. È un luogo dove fare pic nic e scampagnate e passare una giornata immersi nella natura. Oltre alle panche durante il percorso ci sono delle fontane per abbeverarsi.

Il Sentiero Natura: la collina di Villa Madama e dello Stadio Olimpico
Questo sentiero è lungo 2 km e ha un tempo di percorrenza di circa 1 ora. Gli ingressi sono situati in via Parco della Vittoria e in via E. De Amicis, è presente una fontana per abbeverarsi all'entrata in via Parco della Vittoria. È possibile percorrere questo sentiero tutto l'anno e ammirare uno scorcio di natura incontaminata all'interno della città di Roma. Il dislivello della salita è di 80 m ma il sentiero è percorribile facilmente tranne che nella zona del sentiero Le Querce.

Le chiese di Monte Mario
Oltre ad un imperdibile e incantevole scenario naturale, la Riserva di Monte Mario offre anche alcuni casali e ville tra le più antiche d'Italia, inoltre sono presenti tre chiese di origine molto antica e di grande valore simbolico che vale la pena visitare. Queste chiese sono state nel passato un punto di passaggio dei fedeli che si recavano a San Pietro.

La Chiesa della S. Croce ai Casali Mellini, detta anche Cappella del Santo Crocifisso, si trova in Via Trionfale ed è una chiesa risalente al XIV secolo. È uno dei primi punti che veniva attraversato dal pellegrinaggio dei fedeli alla volta di San Pietro. La chiesa fu meta di pellegrinaggio durante la peste di Roma nel XVII secolo ma fu distrutta nel XIX secolo per la realizzazione di un forte militare. Oggi dell'antica costruzione è conservata la sacrestia e l'ingresso, ma una mappatura dettagliata consente di capire com'era la struttura originale della chiesa.

L'origine della Chiesa di Santa Maria del Rosario risale al XVII secolo ad opera dell'umanista romano G.V. Rossi, segretario del Cardinale Andrea Peretti. Rossi fece costruire questa chiesa per assistere spiritualmente i malati di malaria. La chiesa presenta una storia molto complessa e la cupola in cima al monte costituisce il simbolo di Monte Mario.

La Chiesa di San Lazzaro dei Lebbrosi era l'ultima tappa dei pellegrini che percorrevano il sentiero per giungere a San Pietro. È situata all'interno di Borgo San Lazzaro e vanta una storia molto antica. In origine dedicata a Santa Maria Maddalena, fu poi mutato il nome in seguito alla trasformazione della chiesa stessa in luogo dove venivano curati i lebbrosi nel XV secolo. L'aspetto della chiesa è semplice e ben mantenuto, è possibile visitarla perché è stata recentemente restaurata.

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo The Inn At The Roman Forum, una residenza di lusso nel centro di Roma dal design moderno.

23/01/2018
Monte Mario RomaColli della FarnesinaVilla MadamaStadio Olimpico

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO