Curiosità su Roma: I Borgia a Roma

Roma, la Urbe per antonomasia, ha ospitato nobili famiglie, impavidi imperatori, brillanti generali dell'esercito, illustri artisti, pontefici illuminati. Nella storia millenaria di Roma, infinita e affascinante al tempo stesso, la famiglia dei Borgia è riuscita a ritagliarsi uno spazio molto importante. Una delle figure cruciali fu Rodrigo Borgia, il quale riuscì a diventare Papa assumendo il nome di Alessandro VI al termine del conclave tenutosi nell'anno 1492. Scoprite quali sono i fatti e le attrazioni che ancora oggi legano in maniera indissolubile la famiglia dei Borgia a Roma.

I Borgia e il Giubileo a Roma
Otto anni dopo l'elezione a vescovo di Roma, Rodrigo Borgia - alias Papa Alessandro VI - prese parte al Giubileo di Roma del 1500. Per la prima volta in assoluto, durante l'Anno Santo, un Papa scelse di organizzare nei minimi dettagli l'apertura delle quattro porte sante, presenti nelle quattro basiliche papali. Prima di allora, nessun Papa aveva istituito tale rituale, che divenne poi una prassi nei 500 anni successivi. A Papa Alessandro VI non si deve soltanto l'istituzione di una cerimonia di apertura ma anche di una chiusura. Così come per le quattro porte sante, anche le due cerimonia di apertura e chiusura rappresentarono in quel tempo una novità assoluta all'interno della celebrazione di un Giubileo.
Quello del 1500 passò alla storia per le corride in piazza San Pietro. Davanti alla Basilica di San Pietro, la chiesa più importante per l'intero mondo cristiano, alcuni temerari toreri sfidarono 6 tori inferociti. Tra i toreri figurava anche Cesare Borgia (figlio di Papa Alessandro VI), passato alla storia come il Duca Valentino, titolo che acquisì dopo aver sposato la principessa francese Charlotte d'Albret. Oltre allo storico Giubileo del 1500, la famiglia dei Borgia associò il suo nome alla città di Roma anche in campo artistico.

Palazzo Apostolico in Vaticano
Rodrigo Borgia, che assunse il nome di Alessandro VI dopo la nomina a Papa nel conclave dell'anno 1492, aveva diversi appartamenti privati presso il Palazzo Apostolico in Vaticano, da dove i pontefici sono soliti affacciarsi dalla finestra per salutare i fedeli in occasione della Santa Messa nella giornata di domenica. In totale Rodrigo Borgia affidò a Pinturicchio il compito di affrescare 6 ambienti monumentali presenti all'interno del Palazzo Apostolico. Si contano fino a sei sale diverse, rese un capolavoro dall'opera realizzata dal Pinturicchio. I nomi delle sale sono i seguenti: Sala delle Sibille, Sala del Credo, Sala delle Arti Liberali, Sala dei Santi, Sala dei Misteri, Sala dei Pontefici.
Queste stesse sale vennero poi abbandonate da Giulio II, rivale di Alessandro VI e della famiglia dei Borgia, il quale ordinò in seguito di riaffrescare le Stanze di Raffaello. La più importante sala dell'Appartamento Borgia era la Sala dei Santi, dove il Pinturicchio realizzò l'affresco della giustizia divina secondo il pensiero discutibile di Rodrigo Borgia. La Sala dei Pontefici era invece quella in cui Papa Alessandro VI riceveva i suoi ospiti. Quest'ultima era anche la sala che aveva le dimensioni più grandi rispetto a tutte le altre. Potete ammirare gli affreschi presenti all'interno dell'Appartamento Borgia durante il vostro soggiorno a Roma semplicemente prenotando una visita ai Musei Vaticani, dal momento che i 6 ambienti monumentali voluti da Rodrigo Borgia fanno parte del percorso dei celebri musei.

Castel Sant'Angelo
Alessandro VI Borgia amava risiedere a Castel Sant'Angelo, noto anche come Mausoleo di Adriano. Succeduto a Niccolò V, il nuovo pontefice appartenente alla famiglia Borgia stabilì diverse modifiche alla struttura esterna ed interna del castello. Sotto il pontificato di Alessandro VI, Castel Sant'Angelo si trasformò in una vera roccaforte militare, a cui furono aggiunti 4 bastioni, i quali andarono a custodire le statue già presenti, realizzate negli anni precedenti sotto il pontificato di Niccolò V. Rodrigo Borgia però non pensò unicamente alla difesa ma anche ad arte e piacere.
Dopo averlo voluto per la realizzazione dell'Appartamento Borgia di Palazzo Apostolico, il Papa si affidò nuovamente al Pinturicchio per gli affreschi di un nuovo appartamento all'interno di Castel Sant'Angelo. Il pontefice non si fermò però soltanto alla costruzione di una nuova dimora, dal momento che progettò la costruzione anche di fontane e giardini. Durante il suo pontificato, il castello si trasformò in una fortezza militare da fuori e in una dimora lussuosa all'interno, dove era solito organizzare feste, banchetti e spettacoli.
Quanto realizzato da Alessandro VI Borgia venne poi spazzato via dal nuovo Papa (Giulio II), rinomato oppositore di Rodrigo Borgia e dell'intera famiglia. Se negli anni successivi non vi erano più tracce dell'appartamento affrescato dal Pinturicchio, lo stesso discorso non può essere fatto per le fortificazioni aggiuntive realizzate dal Borgia con l'obiettivo di potenziare la difesa di Castel Sant'Angelo. Grazie alle stesse fortificazioni volute da Rodrigo Borgia, il Papa Clemente VII fu in grado di resistere per oltre 7 mesi all'assedio delle truppe di Carlo V, costituite dai famosi Lanzichenecchi, responsabili del sacco di Roma.

Orto Botanico di Roma
Rodrigo Borgia, durante il suo Pontificato, fece erigere il primo Orto Botanico di Roma. Non poteva infatti essere definito tale il giardino fatto realizzare quasi 200 anni prima da Papa Bonifacio VIII (il Papa del primo Giubileo e dello schiaffo di Anagni). Oggi il giardino botanico è contenuto all'interno del parco di Villa Corsini ed è di proprietà dello Stato italiano. Si trova ai piedi del Gianicolo. Potete visitarlo nei giorni feriali dalle 9 alle 18.30 (primavera-estate) e dalle 9 alle 17.30 (autunno-inverno).

Pietà di Michelangelo
La Pietà di Michelangelo, uno dei capolavori artistici del Cinquecento italiano, venne commissionata durante il pontificato di Alessandro VI Borgia dal cardinale Jean Bilhères de Lagraulas. Quando Michelangelo Buonarroti realizzò la Pietà aveva poco più che 20 anni, prima dunque del Giubileo dell'anno 1500, presieduto da Rodrigo Borgia. Il cardinale francese Jean Bilhères de Lagraulas era ambasciatore dell'imperatore Carlo VIII presso lo stesso Alessandro VI.

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo The Inn At The Roman Forum, una residenza di lusso nel centro di Roma dal design moderno.

03/01/2019
famiglia borgiapapa alessandro VIpalazzo apostolicoorto botanico di romapieta michelangelo

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO

icona newsletter rome hints

Iscriviti alla nostra mailing list!

* Campi obbligatori

Accetto la Privacy Policy

chiudi