Dintorni di Roma: Alla scoperta delle più belle Abbazie del Lazio

Avete in mente una vacanza a Roma e dintorni? Uno dei percorsi alternativi è rappresentato dall'itinerario delle Abbazie del Lazio. Alcune di esse custodiscono un patrimonio culturale e artistico di valore inestimabile.
Se siete appassionati di arte e desiderate trovare la tranquillità che si respira all'interno dei più importanti luoghi di culto italiani, dovreste prendere in seria considerazione l'itinerario alternativo grazie al quale è possibile raggiungere le più belle Abbazie presenti nella regione Lazio: dall'Abbazia di Montecassino, luogo di culto in Italia e in Europa, all'Abbazia di Valvisciolo, ritenuta essere vicina all'Ordine dei Templari, senza dimenticare le Abbazie di Casamari, Fossanova e Farfa.

Abbazia di Montecassino (provincia di Frosinone)
L'Abbazia di Montecassino si trova a Cassino, sulla sommità del monte che sovrasta la città della provincia di Frosinone. La sua costruzione risale all'anno 529, quando San Benedetto da Norcia scelse questo luogo per costruire quella che sarebbe diventata una delle Abbazie più importanti al mondo. Nei secoli successivi alla sua fondazione, l'Abbazia di Montecassino venne distrutta innumerevoli volte, prima dai nemici (Saraceni in primis) poi dalla natura stessa (terremoto).
L'ultima distruzione risale al 1944, quando l'aviazione delle forze alleate bombardò il monastero credendo che fosse occupato dalle truppe tedesche. Al termine del bombardamento la popolazione gridò ugualmente al miracolo, in quanto la sola statua del padre fondatore San Benedetto rimase intatta.
Durante l'età del Medioevo, l'Abbazia rivestì un ruolo importante come centro culturale. Merito della sapienza degli abati oltre che della ricca biblioteca ospitata all'interno dell'edificio religioso. Durante la visita all'Abbazia di Montecassino potete ammirare la Torre Romana, il luogo dove San Benedetto da Norcia abitò per diverso tempo prima di essere costretto a trasferirsi a Roma insieme agli altri abati. Oltre alla Torre Romana potete stupirvi di fronte alla bellezza del Chiostro del Bramante, realizzato dal celebre artista.
Potete visitare l'Abbazia tutti i giorni dell'anno, inclusi i festivi. Da marzo a ottobre l'orario di apertura è fissato alle 8.45, la chiusura invece alle 19. Da novembre alla prima metà del mese di marzo la chiusura viene anticipata alle 16.45.

Abbazia di Casamari (provincia di Frosinone)
L'Abbazia di Casamari si trova in località Veroli, nella provincia di Frosinone. La sua fondazione risale all'XI secolo, quindi 400 anni dopo la costruzione della celeberrima Abbazia di Montecassino.
L'origine del nome Casamari è tutt'ora incerta. Secondo i più recenti studi, Casamari richiamerebbe Caio Mario, il famoso generale dell'esercito romano in età repubblicana e sette volte console.
L'Abbazia di Veroli è tra gli esempi più virtuosi dello stile gotico-cistercense in Italia, tanto da richiamare l'attenzione di studiosi e appassionati di storia dell'arte.
Come l'Abbazia di Montecassino, anche quella di Casamari è visitabile gratuitamente durante tutto dall'anno, dal lunedì alla domenica, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Ricordate che valgono sempre le regole vigenti in altre abbazie: silenzio assoluto e profondo rispetto verso gli abati e gli eventuali altri visitatori presenti.

Abbazia di Valvisciolo (provincia di Latina)
Il vostro itinerario delle Abbazie più belle del Lazio prosegue con l'Abbazia di Valvisciolo, nel territorio di Sermoneta, in provincia di Latina. La valle su cui sorge l'edificio religioso dovrebbe essere all'origine del nome: Valvisciolo significa infatti usignolo, ospite assiduo della valle laziale.
L'Abbazia di Sermoneta è stata spesso associata ai templari, per via delle numerose tracce che lasciarono durante il loro passaggio (la loro presenza è collocata tra il Duecento e il Trecento). Un episodio leggendario narra di come le travi della chiesa si spezzarono da sole nel momento esatto in cui Jaques de Molay, l'ultimo Gran Maestro, venne bruciato al rogo, nell'anno 1314.
Anche se viene ritenuta da più parti soltanto una leggenda, c'è chi sostiene il contrario. Alla base delle credenze popolari vi sarebbe uno scritto antico e la frattura stessa visibile all'interno dell'Abbazia.
Se intendete visitarla al suo interno, tenete in considerazione che l'ingresso è libero tutti i giorni dell'anno, dal lunedì alla domenica, dalle 9 alle 12 e dalle 15 fino al tramonto.

Abbazia di Fossanova (provincia di Latina)
Con l'Abbazia di Fossanova il tour tra le Abbazie più belle del Lazio si trasferisce nella provincia di Rieti. Quando sarete di fronte all'edificio situato in località Priverno vi troverete davanti agli occhi l'esempio più antico d'arte gotico-cistercense, superiore anche a quello già ammirato nell'Abbazia di Casamari, in provincia di Frosinone.
La sua fondazione risale al XII secolo, sui resti di un monastero benedettino del VI secolo. Il nome Fossanova deriva dall'opera di risanamento dell'area paludosa, per la quale i cistercensi scavarono un nuovo fosso. La consacrazione dell'altare maggiore avvenne nell'anno 1208, ad opera di Papa Innocenzo III.
All'interno dell'Abbazia Fossanova morì San Tommaso d'Aquino. Fu lui stesso a voler trascorrere le ultime ore presso l'edificio situato nel rietino, consapevole che sarebbe morto di lì a poco. Ad oggi il ritrovamento delle spoglie di San Tommaso è avvolto nel mistero. Secondo la credenza più diffusa, si ritiene che siano all'interno del Duomo di Priverno, la città che ospita l'Abbazia.
Altri invece sostengono che le spoglie fossero custodite in un piccolo paese della Ciociaria di cui nessuno ha mai fatto il nome.
Le info sulla visita sono le seguenti: l'ingresso è libero, potete quindi entrare nell'Abbazia di Fossanova senza biglietto; gli orari di apertura e chiusura dell'edificio sono dalle 8 alle 12 e dalle 16 alle 19.30 (15-17.30 durante l'ora solare).

Abbazia di Farfa (provincia di Rieti)
L'Abbazia di Farfa si trova nella località Fara di Sabina, in provincia di Rieti. Dagli storici dell'arte viene definito come uno degli edifici religiosi più importanti della regione Lazio. Durante l'età del Medioevo, Farfa insieme a Montecassino custodì il sapere dell'uomo, divenendo punto di riferimento per monaci italiani ed europei.
Dal XV secolo in avanti attraversò una profonda crisi, da cui non riuscì più a tirarsi fuori. Oggi l'Abbazia di Farfa resta una delle attrazioni turistiche più importanti della Sabina.
Potete visitarla gratuitamente, dal martedì alla domenica, durante i tre turni della mattina (10, 11, 12) e i due turni del pomeriggio (15, 16).

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo Hotel Panama Garden, ideale per scoprire Roma grazie alla sua posizione strategica.

24/12/2018
Abbazia di FarfaAbbazia di FossanovaAbbazia di MontecassinoSan Benedetto

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO

icona newsletter rome hints

Iscriviti alla nostra mailing list!

* Campi obbligatori

Accetto la Privacy Policy

chiudi