Il fascino dell’EUR, quartiere congressuale ricco di opere d’arte monumentale

Il fascino dell’Eur, tra passato e presente L’Eur è uno dei quartieri più originali ed innovativi dell’Urbe. La sua storia è indissolubilmente legata all’Esposizione Universale che doveva tenersi a Roma nel 1942 e al sogno di edificare uno spazio che simboleggiasse la gloriosa perfezione dell’Impero Romano. Non a caso l’architetto Marcello Piacentini impostò il progetto seguendo lo schema di un tipico Castrum romano, con una rigorosa ortogonalità della viabilità ed una forma pentagonale. L’area prescelta fu quella posta tra le Terme di Caracalla ed il mare. L’Esposizione, riconoscimento ideale della nuova centralità di Roma nel panorama europeo ed internazionale, non avrebbe mai avuto luogo, per lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia il lascito di quell’imponente programma avveniristico ha consegnato un’eredità significativa alla città di Roma, dotandola di un quartiere dall’architettura unica, ricco di arte monumentale.

Completato negli anni sessanta, L’Eur oggi è un moderno quartiere congressuale e residenziale, uno straordinario laboratorio di creatività e sperimentazione, che pullula di attrattive, ben collegato al centro di Roma e certamente meritevole di una visita approfondita. Tappa irrinunciabile del turismo architettonico con le sue linee geometriche e le sue atmosfere dechirichiane, che hanno affascinato, oltre ad esperti ed appassionati, anche illustri registi come Elio Petri e Michelangelo Antonioni, rendendolo set di celebri pellicole. Centro terziario e amministrativo, l’Eur ospita alcuni ministeri, è location privilegiata per le sedi romane di numerose compagnie pubbliche e private, ed è diventato uno dei fulcri della vita mondana della capitale, con ristoranti e locali notturni di tendenza. Un quartiere che sta vivendo un’importante rinascita e sembra proiettato verso il futuro, anche grazie ai cospicui investimenti che sta tornando ad attirare.

Cosa vedere all’Eur: architettura, monumenti e musei
L’Eur vi sorprenderà con una vastissima scelta di edifici monumentali e istituzioni museali da visitare. Immancabile una visita al Museo delle Civiltà Romana, situato in uno degli edifici più suggestivi dell’Eur, lo stesso che ospita il Planetario, contraddistinto da due poderosi corpi di fabbrica paralleli e da un porticato a colonne di travertino, con la staticità dello spazio esterno che si contrappone allo spiccato dinamismo dello spazio interno. Composto da ben 59 sezioni, racconta nella sua completezza la civiltà romana antica, è rinomato per il grande plastico ricostruttivo della Roma all'età dell'imperatore Costantino ed i calchi della colonna Traiana fatti eseguire da Napoleone III.
Il Palazzo delle Scienze ha impegnato nella sua costruzione numerosi e valenti architetti, si distingue per la sua pregevole planimetria ed ospita un’interessante mostra permanente con immagini inedite e scatti in bianco e nero di questo "quartiere" divenuto sinonimo di modernità architettonica e urbanistica. Al suo interno è collocato il Museo dell'Alto Medioevo, diviso in otto sale, che ospita manufatti fabbricati dal quarto al decimo secolo e provenienti da tutta l’Italia centrale. Una tappa irrinunciabile per carpire le profonde trasformazioni avvenute dopo la caduta dell’Impero Romano.

Una tappa vitale per gli appassionati di architettura è pure il Palazzo della Civiltà Italiana, noto anche come Colosseo Quadrato, uno dei simboli più controversi dell’Eur, oggetto di continui ed ininterrotti dibattiti tra entusiasti sostenitori e denigratori dell’opera. Un edificio che come pochi altri ispira sensazioni contrastanti, l’opposto della sua figura perfetta e inequivocabile. In ogni caso le arcate simmetriche ed il marmo travertino costituiscono uno straordinario esempio di architettura romana del ventesimo secolo; sotto ogni arcata ammirerete 28 statue, che raffigurano mestieri e talenti. Un altro modo per esaltare le italiche virtù, come la celebre iscrizione visibile sulla vetta dell’edificio: "Un popolo di poeti di artisti di eroi di santi di pensatori di scienziati di navigatori di trasmigratori".
Il "Palazzo dell’Arte Moderna" è invece una delle strutture immaginate per il nucleo centrale della manifestazione espositiva, la piazza Imperiale, che, nelle intenzioni dei progettisti, doveva rappresentare una grande "agorà", di chiara matrice classica, dalla forte carica celebrativa. La grande corte interna, le "colonne rifinite elegantemente in marmo, il pavimento con trama e disegno in marmi policromi" lo rendono uno degli edifici architettonicamente più interessanti del quartiere, apprezzato e studiato da molti professionisti internazionali.

Come potete constatare, all’Eur non mancano attrattive storiche e artistiche; tuttavia oggi è considerato a ragion veduta un quartiere congressuale, legato ad eventi e rassegne. Un emblema di questa vocazione è certamente il "Palazzo dei Congressi", ideato da Adalberto Libera, la cui prima pietra venne posata nel lontano 1939. La Seconda Guerra Mondiale pose momentaneamente fine al progetto, ma non gli inflisse un colpo mortale. I lavori ripresero dopo la fine del conflitto, ma continuarono molto a rilento, venendo terminati solo nel 1954. Si tratta di un’opera ambiziosa, il cui significato va letto all’interno del disegno urbano complessivo dell’Eur. In "posizione antinodale rispetto ad un altro grande capolavoro dell’architettura razionalista, il Palazzo della Civiltà Italiana", la struttura del palazzo è interamente in cemento armato, saggiamente nascosta dal rivestimento murale in travertino, che conferisce all’edificio il "tono monumentale preteso dalle direttive fasciste".

Non solo architettura: parchi, svago, e ristorazione all’Eur.
Per ristorarvi e rinfrescarvi vi raccomandiamo una sosta al Parco Centrale del Lago, una vasta area verde con al centro un delizioso laghetto artificiale. Una vera e propria oasi dove ristorarvi, praticare sport (per esempio la canoa), sdraiarvi sui prati puliti e ben tenuti, immergervi nella natura e fare lunghe passeggiate sul lungolago, che in primavera si trasforma in un luogo quasi magico: i ciliegi sono in fiore e le temperature permettono di godersi il sole. Il Giardino delle Cascate, concepito come un maestoso ingresso monumentale verso il quartiere, vi offrirà un trionfo di zampilli, cascate e vivaci giochi d' acqua.
Luneur, un tempo il "Luna Park storico di Roma" ed uno tra i più grandi ed antichi complessi del divertimento in Italia, ha recentemente riaperto le sue porte al pubblico. La rinascita del parco è stata demandata a una società controllata da "Cinecittà Entertainment", che ha iniziato a studiare soluzioni che possano riportarlo agli antichi fasti.
Le Terrazze, ubicate sopra il Palazzo dei Congressi, oltre ad realizzare un alto esempio di architettura razionalista, vi regaleranno un suggestivo e romantico affaccio sul quartiere, concedendovi imperdibili emozioni sotto il cielo stellato di Roma.
L’Eur viene prediletto con sempre maggiore frequenza da alcune delle attività di ristorazione che intendono fare dell’innovazione e dell’eccellenza eno-gastronomica il loro motto. Locali con angoli dedicati agli eno-appassionati con possibilità di scegliere tra centinaia di etichette, cucine d'ispirazione stagionale, ristoranti fusion, proposte di ricette romane classiche in spazi suggestivi fanno dell’Eur una zona ideale per sperimentare alcune delle proposte culinarie più trendy della capitale.

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo The Inn At The Roman Forum, una residenza di lusso nel centro di Roma dal design moderno.

05/07/2018
EUR RomaMuseo della Civiltà RomanaColosseo QuadratoPalazzo dei CongressiLaghetto dell EUR

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO

icona newsletter rome hints

Iscriviti alla nostra mailing list!

* Campi obbligatori

Accetto la Privacy Policy

chiudi