Visitare Roma: Piazza San Cosimato in Trastevere, uno dei luoghi più vitali di Roma

Trastevere è uno dei quartieri più antichi di Roma. Rappresenta il cuore pulsante della città e se vi trovate nella Capitale dovete assolutamente dedicare una visita a questa zona.
I luoghi di interesse presenti in questo rione sono tantissimi, alcuni più noti come Piazza Trilussa sul Lungotevere oppure Piazza di Santa Maria in Trastevere, all'interno del quartiere. Una location meno nota ma comunque degna di essere vista è la Piazza di San Cosimato.

Nella Piazza di San Cosimato è possibile ammirare l'omonima chiesa, oggi inserita all'interno dell'Ospedale Nuovo Regina Margherita.
Anticamente la chiesa era parte di un monastero, originariamente benedettino, che era dedicato ai Santi Cosma e Damiano. Nel 1233 passò alle suore Clarisse (Recluse di San Damiano). La facciata dell'edificio si affaccia sulla Piazza ed è preceduta da un vestibolo risalente al XII secolo, realizzato con materiali di riutilizzo. Dall'ingresso era possibile accedere ad un cortile dove è presente un vaso da bagno costruito in granito e decorato con teste di leoni ed anelli, tuttora visibile sul posto.
Nel convento erano presenti due chiostri: il primo si trova sulla parte destra della struttura principale e in origine era formato da due piani, ma le arcate che formavano il piano superiore furono sostituite da alcune sistemazioni risalenti al '400. Il secondo chiostro nasce proprio con i lavori quattrocenteschi ed è caratterizzato da una struttura a pilastri e dalla presenza di un pozzo coperto proprio al centro.
Nel 1891 il convento venne sequestrato dal Comune e diventò un ospizio. Le suore furono trasferite al Convento di San Gregorio, nel quartiere Celio. Il complesso, però, nel 1960 divenne la sede dell'Ospedale Nuovo Regina Margherita.

Alla chiesa si poteva accedere attraversando il cortile della piazza e passando per il vestibolo, oggi chiuso. Alla destra del cortile vi era l'ingresso al chiostro più antico, da cui poi si poteva passare al secondo chiostro, quello del pozzo. Essendo una chiesa annessa ad un convento, l'edificio era piuttosto piccolo. Papa Sisto IV della Rovere, con l'occasione del Giubileo del 1475 diede il via ai lavori di ristrutturazione sia della chiesa che del monastero. Tale testimonianza è visibile grazie all'iscrizione che si trova all'interno dell'architrave del portale risalente al '400.
L'interno della chiesa è formato da un'unica navata ed è stato rielaborato e ristrutturato nel 1871. Dell'antica fase quattrocentesca è rimasto soltanto "La Madonna col Bambino tra i Santi Francesco e Chiara", un affresco realizzato da "Il Pastura", Antonio del Massaro. A completare l'edificio vi è un piccolo campanile di stile romanico.

Il mercato di Piazza San Cosimato
Presso Piazza San Cosimato è presente un mercato molto antico, aperto già dai primi del Novecento. Molti dei venditori presenti ancora oggi rispettano antiche tradizioni di famiglia, mantenendo il banco e tramandando il mestiere una generazione dopo l'altra. Lo scenario del Mercato di Piazza San Cosimato rappresenta un perfetto spaccato della vita trasteverina e il tempo qui sembra essersi fermato. Potete acquistare beni alimentari oppure lasciarvi affascinare dai racconti dei diversi venditori, quasi tutti abitanti del rione.

Nel corso degli anni sono cambiate e successe molte cose al mercato. Per circa due anni esso fu spostato in Piazza Mastai, a causa dei lavori di ristrutturazione di Piazza San Cosimato che è come appare oggi dal 2006. Il restyling del luogo non ha convinto gli abitanti del quartiere secondo cui il progetto moderno ha fatto perdere molta della storicità della piazza.
Il rammarico maggiore proviene anche dai venditori ambulanti del mercato che si sono sentiti esclusi nei lavori di ristrutturazione: nonostante questo però, non perdono mai il sorriso quando si trovano ad interagire col pubblico. Secondo loro, la gente ancora oggi si reca al mercato non soltanto per la spesa quotidiana ma anche per scambiare le classiche "chiacchiere di quartiere".
Come spiega la signora Giuliana Pettini che ha ereditato dal padre la bancarella di formaggi e salumi: "Andare al supermercato è più facile ma molto più sterile. Intorno agli anni '80 il mio banco si è specializzato anche con delle "delicatessen" d'Oltralpe". La signora racconta che quando smetterà di lavorare l'attività passerà a suo figlio Emiliano, proprio come vuole la tradizione.

La stessa atmosfera informale e familiare si respira presso il banco-frutteria del signor Franco, conosciuto anche come il "Capo del Mercato". L'attività apparteneva originariamente alla zia di suo padre, poi fu trasferita al papà di Franco e oggi tocca a lui mandare avanti la tradizione di famiglia. Inizialmente la bancarella vendeva frutta e verdura ma negli anni si è ingrandita e oggi offre al pubblico un'ampia varietà di prodotti.

Menelik è la più antica tra le bancarelle del pesce presenti. Essa si trova nel mercato di Piazza San Cosimato sin dagli anni '20. Per quanto riguarda la carne, la macelleria di Mauro è un'istituzione dove potrete acquistare galline domestiche, uova, polpette, quaglie e bistecche assieme a diversi piatti pronti da cuocere.

Tra le bancarelle più curiose vanno menzionate quella di libri usati, dove potete trovare delle vere e proprie chicche da collezionisti, e il piccolo angolo che si occupa della vendita di cibo per animali di buona qualità.

Il parco per bambini
Su Piazza San Cosimato è presente un piccolo parco per bambini. La struttura, nonostante le dimensioni modeste, è molto "concentrata" e sono presenti numerose attrazioni per i più piccini. Una particolarità di questo parco è la presenza di tantissimi giocattoli donati dagli abitanti del quartiere ma anche da altre persone. Vengono lasciati al parco per permettere a tutti i bambini di usufruirne. L'atmosfera che si respira in questo parco è tranquilla e serena e ci riporta ai tempi passati quando i piccoli giocavano in strada liberi, senza apprensioni e pressioni dei genitori.

Il cinema all'aperto
Per l'estate 2018, Piazza San Cosimato è tornata ad essere la sede del "nuovo" Cinema America. Nel 2014 era stata manifestata l'intenzione di portare le proiezioni cinematografiche all'interno della storica piazza di Trastevere per continuare anche all'esterno il presidio nato all'interno della storica sala del Cinema America con l'intenzione di salvare la stessa dalla demolizione. Commercianti e residenti hanno espresso grande entusiasmo di fronte a questa idea e si sono impegnati al meglio per riportare il Cinema America all'intendo della Piazza.
Portare il Cinema in Piazza rappresenta un evento sia politico che culturale, nato per ricordare la sala storica romana e dall'esigenza di far vivere ai cittadini le piazze pubbliche in modo inusuale e valorizzare il ruolo di aggregazione e crescita sociale che queste hanno.

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo Hotel Panama Garden, ideale per scoprire Roma grazie alla sua posizione strategica.

12/11/2018
Roma TrasteverePiazza San CosimatoCinema America

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO

icona newsletter rome hints

Iscriviti alla nostra mailing list!

* Campi obbligatori

Accetto la Privacy Policy

chiudi