Villa Borghese, il cuore verde della città di Roma

Come ogni grande città che si rispetti, anche Roma ha il suo cuore verde: è Villa Borghese, adiacente alla grande Piazza del Popolo e a due passi dalla romantica Piazza di Spagna. Su una superficie di circa 80 ettari, che siate cittadini della Città eterna o semplici turisti curiosi, vi ritroverete immersi in un mondo lussureggiante fatto di giardini all'italiana o all'inglese, di boschetti con pini secolari, di laghetti artificiali, sculture, monumenti e talmente tanti musei da valergli il soprannome di "Parco dei Musei".
E' il luogo di Roma più amato per passeggiare, rilassarsi, fare sport o dedicare una giornata alla cultura.
E dove se non dalle terrazze di Villa Borghese come quella del Pincio, si può godere di viste indimenticabili sulla città di Roma con la Cupola di San Pietro sempre in primo piano?

La nascita della villa
In origine, almeno fino al 1580, l'area era occupata dai vigneti dei Borghese, antica famiglia di origine senese. All'inizio del XVII secolo il cardinale Scipione Caffarelli Borghese, nipote di papa Paolo V, decise di acquistare i terreni circostanti per costruire una lussuosa dimora che potesse simboleggiare il blasone della famiglia stessa. Il cardinale dunque affidò il progetto a importanti architetti quali Vasanzio Giovanni e Ponzio Flaminio, e a giardinieri quali Savini Domenico affinché creassero attorno alla villa uno straordinario mondo bucolico: furono infatti piantati pini, poste sculture del Bernini e realizzati meravigliosi e suggestivi giochi d'acqua grazie al genio di Giovanni Fontana.

Il Casino Nobile
Potete inoltrarvi in questo grande parco con una storia di ben quattro secoli attraverso i nove ingressi, tra i quali spicca quello con i propilei delle aquile risalente al 1790 e realizzato dall'Asprucci: la caratteristica che noterete subito sono le grandi aquile, simbolo assieme ai draghi dello stemma della famiglia Borghese, che sovrastano le colonne ioniche. L'attrazione principale di Villa Borghese è il Casino Nobile, oggi Galleria e Museo Borghese, che sorge in piazzale Scipione Borghese. Fu grazie all'amore della famiglia per l'arte che in questo edificio si sono accumulate opere di grande valore. L'edificio si divide in due sezioni: il Museo Borghese e la Galleria Borghese.
Nel primo potrete ammirare le sculture quali il "Ratto di Proserpina" e "Apollo e Dafne", entrambi gruppi scultorei del Bernini, e la "Paolina Bonaparte" del Canova che rappresenta l'essenza della bellezza femminile neoclassica.
Nella Galleria invece vi ritroverete al cospetto di tele di artisti quali la "Madonna dei Palafrenieri" del Caravaggio, la "Deposizione" di Raffaello, "Amor sacro e amor profano" di Tiziano.

Dalle fontane ai laghetti artificiali
Non lontano dall'antico Casino Nobile si trovano le Fontane Oscure, realizzate nel 1613 dal Ponzio: sono chiamate così in quanto eternamente all'ombra grazie alle folte fronde degli alberi sovrastanti. Un tempo erano ornate sui bordi da statue e prendevano il nome dalla loro forma, appunto la fontana ovale e la fontana rotonda.
Ma molte altre sono le fontane che si celano tra i grandi viali alberati e i stretti viottoli, tra sculture di Victor Hugo, Lord Byron e Goethe, come ad esempio la Fontana dei Cavalli Marini e la Fontana dei Fauni in tipico stile art nouveau costituita da un gruppo di fauni.
Le zone più suggestive di Villa Borghese sono poi certamente i laghetti artificiali. Nella zona del Pincio, ve n'è uno avvolto da lussureggianti piante esotiche e sovrastato da un ponticello di legno: trovandovi qui non potrete non venire catturati dall'orologio ligneo che svetta proprio al centro del laghetto e i cui meccanismi funzionano grazie all'acqua. La realizzazione di questo curioso idrocronometro, che sembra una piccola torre di vedetta immersa nella natura, fu di padre Giovanni Battista Embriaco.
L'altro lago artificiale costituisce il punto più bello e romantico di Villa Borghese: si tratta del Giardino del Lago, voluto da Marcantonio IV Borghese alla fine del '700.
Individuerete questo giardino dalla copia dell'arco di Settimio Severo: vi ritroverete davanti un lago con al centro un isolotto sul quale sorge il Tempio di Esculapio, realizzato in stile ionico dall'Asprucci e contenente all'interno la statua greca del dio della medicina ritrovata a Roma nella maestosa villa di Augusto.
A proposito di storia antica, se amate l'arte romana o greca, il Tempio di Diana merita una visita: è stato realizzato nel 1789 presumibilmente da Mario Asprucci, ispirandosi al Tempio dell'Amore presente nella Reggia di Versailles in Francia. E' un tempietto circolare la cui cupola è retta da otto colonne in marmo bigio al cui apice c'è una pigna, e dentro il quale si trova un piedistallo che un tempo reggeva la statua di Diana, dea della caccia.

Gli edifici di Villa Borghese
Villa Borghese è ricchissima di edifici tutti da scoprire come ad esempio la Casina di Raffaello che pare sia appartenuta davvero al grande pittore oppure la vicina Fortezzuola di Canina: in quest'ultimo edificio nel cuore del parco e dalle sembianze medioevali, lo scultore Pietro Canonica visse fino alla sua morte nel 1959 e molte sue opere sono qui esposte.
Troverete assai interessante anche il Casino dell'Uccelliera ideato dal Rinaldi: la prima cosa che noterete sono le due grandi gabbie a cupola unite nella parte sottostante da un corridoio a volta riccamente decorato con stucchi, busti e dipinti che riproducono un realistico pergolato per volatili. Vi sono inoltre due vasche circolari al centro di ogni gabbia atte a dissetare i rari uccelli esotici.
Se amate i musei non resterete delusi visitando Villa Giulia, costruita in stile cinquecentesco e sede del Museo Nazionale Etrusco con esposti numerosi reperti italici ed etruschi ( nei giardini potrete ammirare inoltre due bei ninfei realizzati in stile neoclassico), ed il Museo Carlo Bilotti chiamato anche "Aranciera di Villa Borghese" dedicato all'arte contemporanea con in mostra opere di De Chirico, Rivers ed Andy Warhol.
Qualora foste una famiglia, il Bioparco soddisferà grandi e piccini: è nato nel lontano 1911 ed è diventato uno dei giardini zoologici più antichi di tutta Europa, dove è possibile ammirare migliaia di animali di almeno 150 specie diverse tra i quali lemuri, zebre, elefanti, ippopotami e persino leoni.

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo Hotel Ariston, il punto di partenza ideale per scoprire Roma!

16/01/2018
Villa Borghese a RomaIl Casino NobileFontane Oscure a Villa BorgeseLa Casina di Raffaello

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO

icona newsletter rome hints

Iscriviti alla nostra mailing list!

* Campi obbligatori

Accetto la Privacy Policy

chiudi